Vai al contenuto pricipale
Oggetto:
Oggetto:

Patologia e diagnostica di laboratorio (Canale A) - D.M. 270/04 - 2017/2018

Oggetto:

Pathology and diagnostic laboratory

Oggetto:

Anno accademico 2017/2018

Codice dell'attività didattica
MED3035
Docenti
Prof. Elisa MENEGATTI (Docente Titolare dell'insegnamento)
Prof. Rossana CAVALLO (Docente Titolare dell'insegnamento)
Prof. Elena TAMAGNO (Docente Responsabile del Corso Integrato)
Corso di studi
[f070-c701] INFERMIERISTICA (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI INFERMIERE)
Anno
1° anno
Tipologia
Di base
Crediti/Valenza
6
SSD dell'attività didattica

MED/04 - patologia generale
MED/05 - patologia clinica
MED/07 - microbiologia e microbiologia clinica
Modalità di erogazione
Tradizionale
Lingua di insegnamento
Italiano
Modalità di frequenza
Obbligatoria
Tipologia d'esame
Scritto
Prerequisiti
Si richiedono conoscenze di biochimica, di istologia e di anatomia
Oggetto:

Sommario del corso

Oggetto:

Obiettivi formativi

Al termine del corso lo studente deve essere in grado di:

  • Illustrare le diverse cause ambientali, chimiche, fisiche e biologiche (batteri, virus, miceti, protozoi, metazoi parassiti), che determinano l’insorgenza delle principali malattie.
  • Descrivere i fenomeni patologici elementari che si verificano a livello delle cellule e dei tessuti e che causano, di conseguenza, le varie malattie.
  • Esporre le conseguenze derivanti da disordini della nutrizione (con particolare riguardo a digiuno, obesità, disvitaminosi ed alcoolismo) e le risposte fisiopatologiche dell’organismo.
  • Descrivere i meccanismi fisiopatologici alla base delle malattie ematologiche e cardiovascolari (anemia, emorragia, shock, ischemia, aterosclerosi, ipertensione arteriosa, embolia).
  • Descrivere i meccanismi fisiopatologici alla base delle alterazioni di fegato, pancreas, sistema polmonare e renale.
  • Descrivere le cause e la patogenesi dei tumori.
  • Decrivere la risposta infiammatoria.
  • Illustrare le cellule e le molecole che partecipano alla risposta immunitaria (importante per la protezione dell’ospite dalle infezioni).
  • Descrivere i meccanismi di riconoscimento di un agente estraneo da parte del sistema immunitario.
  • Descrivere le conseguenze di un funzionamento alterato del sistema immunitario.
  • Descrivere il significato dei concetti di infezione e di malattia infettiva.
  • Illustrare le tecniche di base su antisepsi, disinfezione e sterilizzazione, nonchè le misure atte a prevenire le possibilità di contagio.
  • Conoscere le principali tecniche microscopiche e colturali in uso nel laboratorio di microbiologia.
  • Conoscere le modalità di prelievo, trasporto e conservazione dei campioni microbiologici.
  • Conoscere le basi della terapia antibiotica.
  • Conoscere le principali complicazioni di natura infettiva collegate alle procedure infermieristiche (iniezioni, cateterismi, medicazioni).
  • Conoscere le condizioni che possono favorire l’insorgenza di infezioni ospedaliere e le relative modalità di prevenzione.
  • Garantire la corretta applicazione delle prescrizioni diagnostiche di laboratorio ai fini della prevenzione delle malattie, dell’assistenza ai malati e dell’educazione sanitaria.

METODI DIDATTICI

Durante il corso verranno adottate le seguenti forme didattiche:

  • Lezioni frontali;
  • Didattica a piccoli gruppi

Oggetto:

Risultati dell'apprendimento attesi

Conoscenza e comprensione

 

I laureati di infermieristica devono dimostrare conoscenze e capacità di comprensione nei seguenti campi:

- scienze biomediche per la comprensione dei processi fisiologici e patologici connessi allo stato di salute e malattia delle persone nelle diverse età della vita;

- scienze infermieristiche generali e cliniche per la comprensione dei campi di intervento dell’infermieristica, del metodo clinico che guida un approccio efficace all’assistenza, delle tecniche operative di intervento e delle evidenze che guidano la presa di decisioni;

- scienze igienico-preventive per la comprensione dei determinanti di salute, dei fattori di rischio, delle strategie di prevenzione sia individuali che collettive e degli interventi volti a promuovere la sicurezza degli operatori sanitari e degli utenti;

 

Capacità di applicare conoscenza e comprensione

 

I laureati di infermieristica devono dimostrare capacità di applicare conoscenze e di comprendere nei seguenti ambiti:

- integrare le conoscenze le abilità e le attitudini dell’assistenza per erogare una cura infermieristica sicura, efficace e basata sulle evidenze;

- utilizzare un corpo di conoscenze teoriche derivanti dal Nursing, dalle scienze biologiche comportamentali e sociali e da altre discipline per riconoscere i bisogni delle persone assistite nelle varie età e stadi di sviluppo nelle diverse fasi della vita;

- integrare le conoscenze infermieristiche teoriche e pratiche con le scienze biologiche , psicologiche , socio culturali e umanistiche utili per comprendere gli individui di tutte le età, gruppi e comunità;

- utilizzare modelli teorici e modelli di ruolo dell’interno del processo di assistenza per facilitare la crescita, lo sviluppo e l’adattamento nella promozione, mantenimento e recupero della salute dei cittadini;

- interpretare e applicare i risultati della ricerca alla pratica infermieristica e collegare i processi di ricerca allo sviluppo teorico della disciplina infermieristica;ADR4.c

- erogare un’assistenza infermieristica sicura e basata sulle evidenze per aggiungere i risultati di salute o uno stato di compenso dell’assistito;

- condurre una valutazione completa e sistematica dei bisogni di assistenza del singolo individuo;

- utilizzare tecniche di valutazione per raccogliere dati in modo accurato sui principali problemi di salute degli assistiti;

- analizzare e interpretare in modo accurato i dati raccolti mediante l’accertamento dell’assistito;

 

 Autonomia di giudizio

 

I laureati di infermieristica devono dimostrare autonomia di giudizio attraverso le seguenti abilità:

- assumere decisioni assistenziali

- decidere priorità su gruppi di pazienti

- decidere gli interventi assistenziali e personalizzati sulla base delle variabili cliniche, psicosociali e culturali

- valutare criticamente gli esiti delle decisioni assistenziali assunte sulla base degli outcomes del paziente e degli standard assistenziali

- assumere decisioni attraverso un approccio scientifico di risoluzione dei problemi del paziente

 

Capacità di apprendimento

 

I laureati di infermieristica devono sviluppare le seguenti capacità di autoapprendimento:

- sviluppare abilità di studio indipendente

- dimostrare la capacità di coltivare i dubbi e tollerare le incertezze derivanti dallo studio e dall'attività pratica ponendosi interrogativi adatti e pertinenti per risolverli

- dimostrare la capacità di ricercare con continuità le opportunità di autoapprendimento

- dimostrare capacità di autovalutazione delle proprie competenze e delineare i propri bisogni di sviluppo e apprendimento

- dimostrare capacità di apprendimento collaborativo e di condivisione della conoscenza all'interno delle equipe di lavoro

- dimostrare capacità e autonomia nel cercare le informazioni necessarie per risolvere problemi o incertezze della pratica professionale, selezionando criticamente fonti secondarie e primarie di evidenze di ricerca

Oggetto:

Modalità di verifica dell'apprendimento

Il corso  viene valutato tramite uno scritto in cui sono previste 66 domande chiuse con 5 possibili risposte.In genere le risposte giuste sono una o due. Le domande si riferiscono a tutti i moduli del corso. Non è previsto un orale.

Ad ogni domanda giusta viene assegnato un punteggio di 0.5, mentre ad ogni domanda errata o non risposta vengono tolti 0.1 punti.

Per avere 18/30 si devono aver fatto 39 domande esatte. Per avere 30/30 60 domande esatte, per avere 30 e lode 66 esatte.

Oggetto:

Programma

Durante il corso si tratteranno i seguenti argomenti:

 

  • EZIOLOGIA (danno – prevenzione):

-       cause biologiche:   batteri, virus, parassiti, miceti, prioni. (morfologia, struttura, metabolismo, funzione, interazione ospite-parassita, meccanismi di patogenicità, replicazione e crescita, classificazione)

-       cause fisiche:         radiazioni, temperatura

-       cause chimiche:     tossici ambientali (metalli, radicali liberi, farmaci, fumo)

-       dieta:                     digiuno, obesità, malnutrizione, alcool etilico

-       immigrazione:        malattie da importazione, immunocompromissione

 

  • MODALITA’ D’AZIONE DEGLI AGENTI EZIOLOGICI

Concetto di Omeostasi

Alterazioni cellulari (meccanismi patogenetici):

  • adattamenti (ipertrofia, iperplasia, atrofia, metaplasia)
  • danno reversibile
  • danno irreversibile: morte per necrosi (infarto) o apoptosi
  • accumuli intracellulari ed extracellulari di sostanze (lipidi, ferro, bilirubina, melanina, amiloide)
  • invecchiamento

 

  • INFEZIONI:       
    • infezioni batteriche, infezioni virali del tratto respiratorio, infezioni virali del tratto gastrointestinale, infezioni virali trasmesse con il sangue, infezioni da protozoi e miceti
    • prevenzione (asepsi, disinfezione, sterilizzazione)
    • rapporto con l’ambiente (vie di trasmissione ed infezioni ospedaliere)
    • infezioni nell'ospite immunocompromesso ed infezioni in gravidanza
    • terapia (antibiotici, antibiotico-resistenza)

 

 

  • INFIAMMAZIONE:
  • infiammazione acuta
  • infiammazione cronica
  • effetti sistemici dell’infiammazione
  • guarigione

 

 

  • IMMUNITA’:
  • il sistema immunitario nel suo insieme. Organi e cellule del sistema immunitario Il complesso maggiore di istocompatibilità. Maturazione ed attivazione dei linfociti T e B
  • tolleranza immunitaria
  • struttura e funzioni degli anticorpi
  • l’antigene. Reazione antigene-anticorpo. Vaccini e sieri
  • regolazione della risposta immunitaria. Citochine. Il sistema del complemento
  • ipersensibilità
  • autoimmunità e malattie autoimmuni
  • immunodeficienza (AIDS etc)
  • gli anticorpi monoclonali

 

  • TUMORI:
  • cause (chimiche, fisiche, biologiche)
  • biologia dei tumori
  • classificazione
  • processo di cancerogenesi (iniziazione, promozione, progressione)

 

  • Disfunzione d’organo:

-       Fegato: cirrosi, ittero, epatite

-       Sistema ematopietico: anemie, alterazione della crasi ematica

-       Sistema cardiocircolatorio: aterosclerosi, ipertensione, alterazione del volume sanguigno, trombosi, embolia

-       Pancreas: diabete

-       Sistema polmonare (alterazione degli scambi gassosi) e renale (alterazione della funzione glomerulo-tubulare)

-       Sistema nervoso centrale (malattie degenerative)

 

  • COME SI EVIDENZIANO LE MALATTIE (DIAGNOSI):

 

-       sicurezza e qualità nel laboratorio di Patologia Clinica e di Microbiologia

-       la fase pre-analitica e le variabilità biologiche, ambientali e metodologiche

-       prelievi di altri materiali biologici; trasporto e conservazione dei campioni biologici

-       raccolta dei campioni batteriologici, coltivazione dei batteri, tecniche di colorazione e diagnosi batteriologica

-       diagnosi virologica, sierologia. linee guida per la prevenzione delle malattie a trasmissione ematica

-       cenni sulla variabilità, accuratezza e precisione della fase intra-analitica; fase post-analitica e significato del dato analitico

-       esame delle orine; esame emocromocitometrico; esami per la valutazione dell’ emostasi

-       marcatori di danno d’ organo

-       indici di flogosi

-       funzione renale ed elettroliti

-       cenni di diagnostica allergologica

-       principi di immuno-ematologia

-       gruppi sanguigni, la malattia emolitica del neonato, il prelievo da donatore

-       emotrasfusione e sue complicanze, legislazione

-       indicazioni ed impiego degli anticoagulanti

-       plasmaferesi terapeutica.

Oggetto:

Testi consigliati e bibliografia

Lo studente può completare la sua preparazione ed approfondire gli argomenti su:

  • APPUNTI DISTRIBUITI DAI VARI DOCENTI
  • CORSO ON-LINE per Patologia e Fisiopatologia Generale e per Patologia Clinica (www.patclin.unito.it)
  • CANUTO RA, MUZIO G et al. “Manuale di Patologia e Fisiopatologia generale”, Monduzzi ed.
  • MAIER E MARIOTTI, “Elementi di Patologia generale e Fisiopatologia”, McGraw-Hil ed.
  • CELOTTI F. "Patologia Generale e fisiopatologia", EdiSes
  • Stevens A. e Lowe J., “Patologia” Ambrosiana ed.
  • DEL GOBBO V., “Immunologia ed Immunoematologia”, Piccin ed.
  • BISTONI F., NICOLETTI G., NICOLOSI V., “Microbiologia e Microbiologia Clinica”,Masson ed.
  • SENA L. “I quaderni di Patologia Clinica”, Libreria Cortina, Torino
  • Phillips J., MURRAY P., CROCKER J. “Le malattie, basi biologiche”, Zanichelli ed.
·        
Oggetto:

Moduli didattici

Oggetto:
Ultimo aggiornamento: 29/09/2017 12:01
Non cliccare qui!